Valori.it: “L’Europa dice basta ai finanziamenti agli inceneritori”

Home » Comunicati e Rassegna Stampa » Valori.it: “L’Europa dice basta ai finanziamenti agli inceneritori”

20 Febbraio 2019 Comunicati e Rassegna Stampa

Il Fondo europeo di sviluppo regionale, da cui arrivavano i finanziamenti agli inceneritori, sarà invece destinato alla crescita intelligente e all’economia verde

Stop agli investimenti di fondi strutturali europei per finanziare inceneritori e il ciclo indifferenziato per i rifiuti. Il “no” arriva dalla Commissione regionale (REGI), presieduta dall’europarlamentare Andrea Cozzolino (S&D), che ha messo nero su bianco come impianti di incenerimento, discariche e altre strutture per lo smaltimento di rifiuti indifferenziati non dovrebbero più essere sostenuti né con il Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR) né con il Fondo di coesione (FC).

Le norme aggiornate si applicheranno al periodo 2021-2027 e riguarderanno tutti gli Stati membri, con particolare attenzione alle comunità meno sviluppate, alle regioni urbane e ultra-periferiche. Una svolta nella gestione del più grande fondo pubblico dell’UE che, stando alla commissione REGI, dovrebbe essere destinato alla crescita intelligente e all’economia verde. Mentre il Fondo di coesione dovrebbe continuare a concentrarsi sugli investimenti nelle infrastrutture ambientali e dei trasporti. Ogni regione europea dovrebbe investire, così, almeno il 30% dei fondiricevuti per la lotta contro il cambiamento climatico e per l’economia circolare.

Articolo Originale

Condividi su: