SUD | Cozzolino (Pd): Conte è un disco rotto, meridione dimenticato, basta proclami

Home » Comunicati e Rassegna Stampa » SUD | Cozzolino (Pd): Conte è un disco rotto, meridione dimenticato, basta proclami

15 Aprile 2019 Comunicati e Rassegna Stampa

L’eurodeputato Andrea Cozzolino, candidato PD nella Circoscrizione meridionale, Relatore per il Parlamento UE del regolamento sul Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) e vicepresidente della Commissione europea Sviluppo Regionale, ha dichiarato:

A Campobasso, Giuseppe Conte ci ha offerto un altro episodio dell’opera preferita dal Governo: “le grandi promesse”. Il Capo dell’Esecutivo, durante la sua visita in Molise, si è fatto “promotore del riscatto del Meridione”, accennando anche a un teorico “riscatto dell’Italia”. Crede davvero a ciò che va dicendo? Tra lui e i suoi ministri è un continuo rinviare il momento delle decisioni, alimentando prospettive che sembrano proprio lontane. Se ne sono accorte le parti sociali, se ne stanno accorgendo i cittadini e il tessuto industriale, non c’è crescita e non c’è nemmeno una strategia per il Sud. Le osservazioni del direttore Svimez Luca Bianchi, oggi in audizione nelle Commissioni Bilancio di Senato e Camera sul Documento di Economia e Finanza 2019, sono chiare: “quadro di profonda incertezza”, “assenza di un deciso rilancio degli investimenti”. A questo si aggiunge lo spauracchio di un’autonomia differenziata alquanto pasticciata e un’ipotetica flat tax che acuirebbe il divario sociale.

No: il Sud non ha bisogno di canzonieri e promesse. Il Governo la smetta di cercare consenso, rischiando anche di vanificare quanto si è ottenuto di buono in Europarlamento sui nuovi Fondi per lo Sviluppo Regionale, destinati proprio a quelle aree a cui il Governo ama offrire soltanto passerelle elettorali.

Condividi su: