Pratiche sleali: vincono i diritti di agricoltori e consumatori

Home » Diario Europeo » Pratiche sleali: vincono i diritti di agricoltori e consumatori

12 Marzo 2019 Diario Europeo

Ci sono voluti quasi 10 anni, l’insistenza dell’Europarlamento e ben due risoluzioni ma, da oggi, la direttiva contro le pratiche commerciali sleali nell’alimentare è finalmente realtà. Una schiacciante maggioranza nel Parlamento europeo ha fatto prevalere equità, salute e diritti di agricoltori, produttori e consumatori sulle speculazioni dei grandi protagonisti sul mercato.

È la fine del bullismo nell’agroalimentare – che impone prezzi ingiusti, ritardi nei pagamenti e ricatti sui diritti sociali, l’occupazione e la salute. Pratiche che colpiscono gli agricoltori europei, con danni per oltre 10 miliardi all’anno e altri 4,4 di costi; pratiche che deprimono la qualità del cibo ma anche la sua produzione, attraverso gli abusi sugli uomini, sugli animali e sull’ambiente. Grazie all’impegno del Gruppo S&D, una lunga battaglia combattuta dai nostri agricoltori e consumatori per armonizzare venti legislazioni nazionali è stata vinta.

Una bellissima giornata per l’Europa e gli Europei. È questa l’Unione nella quale crediamo e per la quale ci schieriamo: una comunità vera, che riesce a migliorare la vita dei suoi membri, sradicando disuguaglianze e combattendo per la salute, l’ambiente e, soprattutto, l’equità.

Condividi su: